Caso clinico 2

 

D.P., sesso maschile, 76 anni

 

Storia clinica

Anamnesi fisiologica: sposato, 2 figli, alcol ++

Anamnesi familiare: genitori deceduti per K fegato, non sa riferire la causa dell'epatopatia

1995: diagnosi di epatopatia cronica HCV-correlata, genotipo 1b

1996: Biopsia epatica: fibrosi periportale

Da allora controlli periodi con Ecografia epatica ed esami di laboratorio a cadenza annuale con modesta steatosi epatica e ipertransaminasemia.

2004: il paziente viene per controllo annuale: condizioni cliniche buone, no ascite, edemi declivi lievi. Esegue controllo ecografico con riscontro di: nodulo disomogeneo di 5 cm al III segmento; alfafetoproteina 3.2; Hb 14.3, PTL 155.000, PT 81%, AST/ALT 31/33, GGT 52, albumina 3.8, bilirubina totale 2.2. EGDS: varici F1.

2004: esegue TAC ADDOME SUPERIORE e RMN con mdc: nodulo di HCC

 

Cosa fare? Biopsia?

BIOPSIA: no, perch ci sono gi 2 indagini strumentali che permettono la diagnosi di HCC di grosse dimensioni.

 

Trattare? Se s, quale opzione terapeutica preferibile?

Per la presenza dell'aumento dei valori di bilirubina e della lieve ipertensione portale non indicata la resezione epatica. Quindi, date le dimensioni del nodulo, indicata la TACE o eventualmente, secondo recenti pubblicazioni, l'associazione tra TACE e RFA.

 

Elenco casi clinici

Home

Chi siamo Faq Links Reviews News E-mail Immagini