Chirurgia

 

Ogni paziente con HCC deve essere in prima istanza valutato per un trattamento chirurgico resettivo. La chirurgia è infatti l'unico trattamento assieme al trapianto che fornisce speranze di cura. Il problema è che pochi sono in realtà i pazienti candidabili per una resezione chirurgica del tumore. Il fegato è un organo del tutto peculiare che presenta, in condizioni normali la capacità di rigenerare dopo la rimozione chirurgica di una sua parte sino a raggiungere nuovamente il suo volume originario. In effetti, quando ad esempio i chirurghi hanno bisogno di asportare delle metastasi su fegato sano o quando vengono trattati chirurgicamente i rari tumori primitivi del fegato insorti sempre su fegato sano, la percentuale di fegato asportabile con successo e restituzione alla normalità del fegato può raggiungere l' 80% con una mortalità operatoria inferiore al 5%.
La situazione è in realtà totalmente diversa nei pazienti, che sono la stragrande maggioranza (>90%) nei quali il tumore insorge come complicanza della cirrosi epatica. In questo caso il fegato ha in larga misura perso la sua capacità rigenerativa e la percentuale di fegato asportabile è, di conseguenza assai inferiore. Sempre in questa situazione, complicanze post-operatorie anche gravi insorgono con percentuale assai rilevante. Tra queste scompenso ascitico (con edemi declivi), disturbi emocoagulativi con quadri di coagulazione assai deficitaria, insorgenza di encefalopatia epatica, con disturbi della coscienza anche gravi, e talvolta sanguinamento da varici esofagee, la cui entità può essere aggravata dall'intervento chirurgico. Queste complicanze possono esitare, in una percentuale di casi che varia tra il 2 e il 10%, a seconda dell'esperienza del centro chirurgico e dei criteri di inclusione dei pazienti, in mortalità perioperatoria.
Questa situazione fa si che il paziente da candidare ad intervento resettivo per HCC su cirrosi debba essere accuratamente selezionato.
Le indicazioni attuali sono:

Tra le controindicazioni devono essere elencate:

I tipi di intervento chirurgico che possono essere eseguiti sono una lobectomia, praticamente quasi mai possibile nel cirrotico, delle segmentectomie, e cioè l'asportazione di uno o due degli otto segmenti nei quali è stato diviso anatomicamente il fegato o resezioni atipiche, dette anche "wedge resection". In ogni caso dovrà esserci almeno un centimetro di fegato "sano" tra la trancia di sezione ed il tumore.
In tutti i casi nei quali non si verifichino le condizioni di cui sopra, sarà opportuno pensare ad un diverso tipo di trattamento.

 

Home

Faq Links Reviews News E-mail Casi clinici Immagini